CORRECTIV.Kooperationen

Latest Stories

CORRECTIV follows up on its investigations after first publication. We continue to investigate, we update and we publish individual stories. All of these you can find here.

The Italian 'ndrangheta has used the Aalsmeer flower auction, one of the largest in the world, as cover for its cocaine trade.© Giulio Rubino

Mafia (IT)

The ‘ndrangheta’s Dutch flower power

In Italy’s deep South, one of the biggest mafia trials in Europe in recent years is about to come to an end. Members of the Crupi clan are accused of smuggling vast amounts of cocaine from South America to Italy, using the Netherlands as their main hub. The country’s ports but also its lax laws attract the ‘ndrangheta smugglers to the country in the heart of Europe. This investigation shows how they are trying to regroup in one of their preferred cover business, the import and export of flowers.

read more 20 minutes

von Cecilia Anesi , Giulio Rubino

A version of this investigation has also been published in the Italian newspaper L’Espresso, the EU Observer and the Algemeen Dagblad from the Netherlands.

In the centre of The Hague, low-rise red brick buildings and trees line Loggerstraat, a welcoming street just a stroll away from the sea. A waiter in his fifties is relaxing outside an Italian restaurant, in front of him a Dutch newspaper.

His long-time boss is no ordinary restaurant owner. Rocco Gasperoni was a drug trader who had been trafficking drugs for numerous ‘ndrangheta families for at least two decades using the Netherlands as his operational base. Convicted in Italy in 2007, he continued to peacefully live in the Netherlands. Last May, our reporter decided to pay him a visit.

But on the morning of the planned visit, news broke that Gasperoni was arrested the day before, for a crime he committed almost two decades ago.

“I know Mr. Gasperoni, I’ve worked for him for many years“, the waiter says. Did he know that he was a powerful drug trader who had been sentenced to 14 years in jail in Italy while living in the Netherlands? „It’s all a misunderstanding, it’s not possible. Rocco can not be guilty of what they are saying.“

Everybody knows

To us, his answers sound a little bit too well-rehearsed, we don’t quite believe him. And that’s the relationship between the Netherlands – and similar countries in central Europe such as Germany – and the cocaine brokers in their midst: everybody knows they’re here, but nobody admits as much.

Italian investigators estimate that the ‘ndrangheta controls about 40 percent of global cocaine smuggling and that the group is Europe’s single biggest importer of cocaine. This also turns the ‘ndrangheta into an important player in the economies of Italy, Germany and other European countries where the group launders the ill-gotten gains.

Narcos_Netherlands_en.jpg

The Netherlands, including the port city of Rotterdam, are one of the main gateways to Europe for the ‘ndrangheta’s cocaine trafficking.

Giulio Rubino

The Netherlands remains one of the main gateways to Europe for the ‘ndrangheta cocaine trafficking from South America, Italian prosecutors say. The country’s economy is geared towards international trade and boasts a modern infrastructure of ports and airports. Italian anti-mafia investigations have shown how the ‘ndrangheta has used the Netherlands for its cocaine trafficking since the ’80s. While the ‘ndrangheta thinks and operates globally, law enforcement struggles to cross borders and efforts by Dutch law enforcement at times appears lacklustre.

An arrest with 20 years of history

One of the pioneers’ to arrive in the Netherlands was Rocco Gasperoni, now aged 74. Others such as the Crupi family, an important mafia clan, followed in his footsteps, expanding the trade. When arrests are made, the smugglers quickly regroup with new front companies, blending into covers such as the famous Aalsmeer flower auction.

The history of Gasperoni’s arrest in The Hague in May last year stretches back 20 years, highlighting the extent to which European law enforcement is struggling to cope with organized crime syndicates. In 1997, Gasperoni was arrested in Malaga, Spain, on charges of international drug trafficking.

Gasperoni imported hashish as well as cocaine to Europe. He used several businesses to cover his tracks, including a wine import-export business. Before Gasperoni turned it into a restaurant, the spot in Den Haag’s Loggerstraat that our reporter visited used to be a wine shop of his.

An infamous town

Gasperoni worked closely with a ‘ndrangheta branch called the Siderno syndicate. Siderno is a small town at the toe of the Italian peninsula, in the region of Calabria. Calabria is the home of the ‘ndrangheta, while other mafia groups such as the Camorra operate from the area around Naples and the Cosa Nostra from Sicily.

So many ‘ndrangheta members come from Siderno, that an important sub group of the ‘ndrangheta has been named after the city: the Siderno group of crime. This group is particularly well-established in North America, but some of its members and associate brokers have also ventured elsewhere, such as Gasperoni.

Italian investigators found that Rocco Gasperoni transferred large sums from a Brussels bank account to members of the Siderno group, disguised as payments for the export of jeans. The Crupi mafia clan, some 50 members and associates of which are currently on trial at two courts in Italy, is also part of this group.

Three days in jail

In Spain, Gasperoni also bought cocaine from the ‘ndrangheta broker Nicola Assisi, one of the most powerful of those cocaine brokers to sell to the Siderno families, who is still at large in South America.

After his arrest in Spain in 1997, Gasperoni was extradited to Italy, but later freed while awaiting his trial. He immediately returned to his home in the Netherlands. It took the Italian court ten years to sentence Gasperoni to 14 years in jail. Police in Amsterdam arrested Gasperoni but he left jail after just three days thanks to what Dutch authorities say was a glitch in the paperworks sent by Italian police.

And Gasperoni continued his wine and textiles export businesses that Italian law enforcement says was a cover for the cocaine trading. Dutch police never investigated his commercial activities and it is not clear when exactly his criminal career ended.

Up until last spring when a court in Turin ruled that Gasperoni should be in jail. This time the bureaucracy between Italy and the Netherlands worked smooth, leading to his arrest the day before our reporters’ visit.

Uniquely, Italy has made it a criminal offense to be a member of a mafia clan, with sentences reaching up to more than 20 years in jail. That is one reason why mafia groups have moved some of their activities to countries such as the Netherlands, Germany and Switzerland where laws are lax and where the economy offers many opportunities to hide illicit activities and launder the proceeds.

While the mafiosi are easily taking advantage of global travel and trade infrastructure, prosecutors often enough struggle to follow their tracks across one single border, let alone around the globe. Even when arrests are made, the criminal networks are quickly able to regroup, as the recent case of the Crupi family, also from Siderno, shows.

A trip to Ecuador

On a day in June 2014, two men walked towards a car rental at the airport of Quito, the capital of Ecuador. Rattled after the long flight from Amsterdam, a row quickly flared up at the counter of the rental between Vincenzo Macrì and the car rental staff.

Macrì’s associates had pre-booked a Chevrolet Sail for him, a budget car made in China. Macrì and his colleague were going to cross the border into Colombia and they needed a car that would not attract police attention.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Macrì is the brother-in-law of Vincenzo Crupi, a key ‘ndrangheta operative, according to Italian prosecutors. Vincenzo Crupi grew up in Siderno, the small coastal town located deep in the South of Italy that lend its name to the Siderno group of crime.

In 2005, both men had set up a flower business in the Netherlands called Fresh BV. They immersed themselves in the famous Aalsmeer flower auction, one of the largest in the world, a sprawling complex of warehouses and office buildings the size of about 70 football fields. Flowers move in and out on trolleys 24 hours a day. With goods arriving from producer regions such as South America or the highlands of Ethiopia, traders at the warehouse handle both fresh flowers such as roses, flown into Europe by air cargo, as well as long durables house plants which tend to arrive by container ship. The plants are then shipped from here with thousands of trucks daily to flower wholesalers in Germany, Italy and elsewhere in Europe.

From here, the Crupi business sent trucks filled with flowers to Italy. But prosecutors in Italy allege that the flower business of Crupi and Macrì was a mere cover-up for the large scale import of cocaine, using the Aalsmeer flower auction as cover. So when members of the drug ring travelled to Latin America under the pretense of buying roses and leaf plants, prosecutors allege they were in fact buying cocaine.

A large network

From the Netherlands, the Crupi family, including Vincenzo Crupi’s two younger brothers, could count on a large network of transport companies, many of them operating out of the South of Italy, who were keen to move money or drugs hidden between their flower loads in exchange for fat pays. Police evidence shows how the trucks used by the criminal group usually transported only between six and eleven kilograms of cocaine in case of the police intercepted a shipment. But some shipments could reach up to 100 kilos, for which the smugglers allegedly paid 100,000 euro, according to communications intercepted by police and presented in evidence to a court in Rome.

“The ‘ndrangheta structures linked to Siderno are everywhere in the world, but they are mainly rooted in Canada and the Netherlands“, said Antonio de Bernardo, an anti-mafia prosecutor based in the southern Italian city of Reggio Calabria. De Bernardo helped to put the Crupi clan on trial. „We can say it was these structures to invent for the ‘ndrangheta the strategy to use the import-export of legal goods to cover cocaine traffic.“

In Southern Italy, the smugglers set up a sophisticated system of cash collection. Couriers all over the South of Italy collected the drug money and delivered it to the city of Latina, 60 kilometres south of Rome, where the Crupi family company had its headquarter. The money was then hidden between wooden pallets in the empty flower shops returning to the Netherlands, to re-inject the proceeds into the flower business. The Crupi entreprise included four secretaries who organised the flowers arrivals as well as the laundering of the drug proceeds.

All charges dropped

In September 2015, Vincenzo Crupi was arrested in Italy. More than 50 suspects, all Italian nationals, were arrested. Forty nine of them are currently on trial. The trial is among the most important in recent years in Italy and not only because of the sheer number of the accused. The trial targets the financial backbone of an ‘ndrangheta cartel with immense power in Italy and beyond, a power it has acquired thanks to its control over the cocaine trafficking.

The police investigation that led to the trial did not only target the cocaine operation in Italy but the entire value chain from the buying of drugs in South America to the distribution in Europe and to the laundering of the illicit proceeds. Further to the meetings of bosses who move tons of cocaine and millions of euros with a few cryptical words. The first verdict in the trial, which is not public, is expected for April. A lawyer for Vincenzo Crupi contacted by CORRECTIV declined to discuss the case.

Rotterdam port.jpg

The port of Rotterdam, alongside ports in Belgium and Germany, are used by the ‘ndrangheta to smuggle cocaine into Euro, Italien prosecutors say.

Giulio Rubino

The arrests were also one of the biggest hits against narcotics smuggling in the Netherlands to date. The Crupi trial shows that the ‘ndrangheta favors the country not only because of its central location and its logistics but also because of lax laws and lacklustre law enforcement. In the Netherlands, all charges against the defendants put on trial were dropped. Court records reviewed by CORRECTIV show that almost all the evidence on which prosecutors based their indictment was collected in Italy. There is, for example, nothing explaining how the drug traffickers actually moved the cocaine into the Netherlands. This also suggests that Dutch prosecutors were not keen to gain a wider picture of how the ‘ndrangheta is blending into the Dutch economy, famous for its low taxes, making it an underreported haven for offshore finance at the heart of northern Europe.

A complex knot

Dutch authorities argue they dropped charges against the defendants because in Italy defendants could be charged with being a member of the mafia, the most important tool law enforcement can muster in the fight against the mafia, and one that is only available in Italy. But lawyers to defendants told CORRECTIV that they are now using the fact that all charges, including other potential charges, were dropped in the Netherlands as one of their main lines of defense.

“After the results of the investigations were clear it was agreed upon that – because of the scale of the Italian investigation and the seriousness of the crimes committed on Italian soil and because almost all the suspects were arrested in Italy and are Italian citizens – prosecution would take place in Italy for membership of a criminal organization“,  the Netherlands Justice Ministry said in a written statement. „Therefore charges were dropped in the Netherlands.“

The statement said that the Netherlands was no longer a safe-haven to the Italian mafia as cooperation with Italian prosecutors had intensified in recent years, including through posting a liaison officer in Italy in 2014. It said that at least seven Italian fugitives had been arrested in the Netherlands over the past year alone.

The statement also said that the arrest of Gasperoni, who is now serving his sentence in the Netherlands, was one of the fruits of the closer cooperation. “In this case a complex knot of Dutch, Italian and European law and practices had to be unraveled to be able to find a way to execute the Italian sentences“, the statement said.

Links are still maintained

In any case, Dutch prosecutors have their work cut out for them. With major logistics hubs such as Rotterdam port or Schiphol airport, the Netherlands is an important base for the ‘ndrangheta cocaine smuggling that it is unlikely to give up even when police do make arrests. Hints uncovered by this investigation show that the Crupi family hailing from the infamous ‘ndrangheta village Siderno still maintain their links to the flower business in the Netherlands.

A brother of Vincenzo Crupi was released on bail after his September 2015 arrest and shortly afterwards travelled to the offices of one of the Crupi flower companies in the Netherlands to get a hold of the company’s book keeping, according to the statement by another defendant seen by CORRECTIV.

Right before the arrests in the fall of 2015, Vincenzo’s brother married off his daughter to a young man from Siderno. The baroque villa close to Siderno at which the wedding took place was decorated with impressive walls of white roses.

A few months after the wedding and the arrests, the bridegroom opened a flower company in Siderno bearing a Dutch name, which according to its Facebook page also imports flowers from Aalsmeer.

The Crupi family’s latest florist told CORRECTIV he had no relationship with Crupi companies. He also claimed to have worked in the flower business prior to the arrests, dismissing the idea he had moved into the flower business after the arrests to ensure a continued Crupi presence in the business. But company records for the flower company he claimed to have worked for previously show that one of the owners is the son of a convicted mafia boss from the region while its managing director appears to live in Siderno in an area controlled by one of the mafia clans. On his Facebook page, however, the latter is in fact resident in the Netherlands and is active in the flower business.

This investigation is a cooperation between CORRECTIV and the Italian centre for investigative journalism IRPI, with the support of the Flanders Connect Continents Grant. Additional reporting by Claudio Cordova in Reggio Calabria, Koen Voskuil in Rotterdam.

stefanocaldoro-by-ciro-pellegrino-3

Mafia (IT)

Manifesti a Napoli contro Caldoro: „Il governatore più amato dalla Camorra“

La settimana scorsa Stefano Caldoro, governatore della Regione Campania ed esponente del centro destra, è stato protagonista di poster disegnati in stile film poliziesco anni ‘70.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Un font western-style enunciava in rosso: „Il governatore più amato dalla Camorra“, e accanto, più in piccolo, „la Regione Campania è stata presieduta e amministrata per cinque anni grazie ai voti di uomini arrestati, indagati o inquisiti di cui parlano i pentiti di Camorra“. E vicino a questa scritta, ecco una lista di nomi di politici che hanno guai con la giustizia, come l’ex ministro Mario Landolfi e l’ex sottosegretario all’economia – durante l’ultimo governo Berlusconi — Nicola Cosentino, in carcere da aprile per estorsione e concorrenza sleale aggravata dalla finalità camorristica.

Cosentino aveva raccolto grande successo alle ultime elezioni, ma per lui è stato il secondo arresto in poco più di un anno. Su di lui a primavera 2013 pendeva un’ordinanza di custodia cautelare emessa nell’ambito dell’inchiesta denominata „Il Principe e la Scheda Ballerina“, essendo imputato per il presunto reimpiego di capitali illeciti in relazione alla costruzione, mai avvenuta, di un centro commerciale a Casal di Principe. Dopo alcuni mesi di carcere, gli furono concessi i domiciliari e a novembre, su decisione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è tornato in libertà. Ma tra ‘O Mericano, come viene chiamato in politica, e Stefano Caldoro non corre buon sangue. Sono si dello stesso partito, Forza Italia, ma di due frange di potere opposte, in Campania.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

E poi c’e stata la brutta storia del dossier falso creato ad hoc per screditare Caldoro, come scritto da Conchita Sannino, dove falsi testimoni avrebbero raccontato dei contatti tra Caldoro e la Camorra. Tutto finto. Inoltre, Stefano Caldoro non è mai stato indagato per presunti contatti con la criminalità organizzata, e l’autore dei poster diffamatori non svela perchè il governatore dovrebbe essere il „più amato dalla camorra“. Firma sconosciuta, nonostante siano ormai passati giorni dall’affissione nel centro cittadino di Napoli, e nessuna rivendicazione. L’unità Digos della polizia indaga, ma ancora si ignora l’identità della mente dietro a tale opera.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

squadra-mobile-casera_fermo-_bianchi

Mafia (IT)

Duro colpo al Clan Bidognetti, arrestato capo per estorsione

La criminalità organizzata cambia metodi, ma non abbandona quelli vecchi. Se da un lato sono in aumento le indagini che legano crimini finanziari e investimenti apparentemente puliti a capitali mafiosi, dall’altro il “pizzo”, l’estorsione, è ancora uno dei metodi principali per finanziare i clan e provvedere alle ‘spese’ degli affiliati in carcere. Ne sono la prova i 18 arresti effettuati nell’ultimo anno per questo crimine dalla Squadra Mobile di Caserta solo per quanto riguarda il clan Bidognetti, affiliato alla Camorra dei Casalesi.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli ultimi arresti riguardano Dionigi P., classe ’62, e Giuseppe B., classe ’78, entrambi di Casal di Principe. Il primo aveva recentemente assunto la guida del gruppo Bidognetti occupandosi proprio della riscossione del pizzo.

P. è del resto una personalità criminale di un certo rilievo, essendo stato già condannato nell’ambito del processo “Spartacus”, che aveva visto condannati Francesco „Sandokan“ Schiavone, Francesco Bidognetti, Michele Zagaria e Antonio Iovine. In passato il clan Bidognetti aveva collaborato alle attività di traffico di rifiuti denunciate dal pentito Carmine Schiavone, interrando fra gli altri, secondo Schiavone, anche rifiuti di tipo nucleare provenienti dalla Germania.

Grazie ad una dettagliata attività di indagine, basata sopratutto su intercettazioni ambientali, la Squadra Mobile è riuscita a ricostruire come P. e B. avessero cercato di ottenere denaro da due imprenditori del settore edilizio, impegnati nella costruzione di 90 appartamenti in provincia di Caserta.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Gli edifici non erano ancora terminati, e le vittime hanno cercato di spiegare che, non avendo potuto neppure cominciare a vendere gli appartamenti, ancora non c’erano soldi. Ma P. e B. avevano insistito per avere la somma richiesta prima della scadenza di ferragosto.

Anche di fronte a queste pressioni però, le vittime non hanno in alcun modo cercato di denunciare l’estorsione subita, anzi. Solo quando la polizia li ha messi di fronte alle prove raccolte si sono decisi ad ammettere le vessazioni a cui erano sottoposti.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

volante-polizia-arresto-550

Mafia (IT)

Polizia arresta 27 ‘ndranghetisti con ramificazioni internazionali

Oltre 250 uomini dello Sco della Polizia di Stato e della Squadra mobile di Reggio Calabria hanno dato esecuzione questa mattina all’operazione “Morsa sugli appalti pubblici”, che ha portato agli arresti di 27 tutte appartenenti a potenti cosche jonico-reggine.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli indagati sono stati arrestati tutti per associazione mafiosa poiche appartenenti a due delle ‘ndrine più pericolose, “Commisso” di Siderno e “Aquino” di Marina di Gioiosa Ionica. Le accuse sono anche di estorsione, turbata libertà degli incanti, illecita concorrenza con violenza o minaccia e reati in materia di armi.

L’operazione e’ il proseguimento di un’indagine contro la ‘Ndrangheta che nel 2010 portò in carcere 300 persone tra la Calabria e la Lombardia. E’ infatti il proseguo della famosa inchiesta Crimine2, dalla quale emergeva l’influenza delle ‘ndrine fuori dai confini nazionali, anche in Germania, Svizzera e Austria. L’indagine, scrive Il Dispaccio di Reggio Calabria, il primo giornale a lanciare la notizia questa mattina, „ha confermato la leadership di una delle più importanti consorterie della ‘Ndrangheta del versante ionico-reggino, la cosca Commisso, capace di proiettare le sue attività criminali anche in ambito transnazionale, specie in Canada, con il condizionamento degli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture per i lavori di ammodernamento di arterie stradali, acquedotti, edifici scolastici dell’area.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Inoltre, fa sapere la Polizia di Stato, dalle indagini e’ emerso che le ‘ndrine condizionavano gli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture e a quello relativo alla gestione dei rifiuti nelle nell’entroterra reggino di Siderno e sul versante ionico reggino, nell’area di Gioiosa Ionica, Natile di Careri, Ciminà e Caulonia. Le ditte che si aggiudicavano gli appalti si facevano pagare una tangente del 3 per cento sul valore dei lavori. La tangente calava un po’ di valore se le imprese che si aggiudicavano i lavori erano considerate “amiche” dagli uomini della ‘ndrangheta.

C’è anche un politico tra gli arrestati accusato di associazione mafiosa in quanto avrebbe chiesto sostegno elettorale alla cosca Commisso sia per l’elezione al Comune sia per le regionali del 2010 alle quali però, poi non si presentò. Il comune di Siderno è stato sciolto per infiltrazioni mafiose nel marzo 2013.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

padovani-antonio_140923

Mafia (IT)

Nuova confisca da 45 milioni al „Re delle Slot“

Lo chiamano “Il Re delle slot machines”:  Antonio P., anni 62, di Catania, è infatti uno dei principali imprenditori italiani del settore del gioco d'azzardo: principalmente slot machines e sale gioco ma anche affidamenti per lotterie e scommesse a distanza.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Padovani, è già noto alle croncache giudiziarie: condannato in primo grado dal Tribunale di Gela per la sua vicinanza alla famiglia nissena di Giuseppe „Piddu“ Madonia nel 2011, aveva subito al tempo un primo maxi sequestro di beni del valore di 40 milioni di euro.

Ma il „Re Mida delle slot“ si è visto oggi sequestrare beni e asset per altri 45 milioni di euro dalle Fiamme Gialle di Caltanissetta.

L’iter giudiziario di sequestro era iniziato a Dicembre 2011, quando il Tribunale di Caltanissetta ne aveva firmato il decreto. Ed è stato il G.I.C.O., nucleo dedicato alla lotta alla criminalità organizzata, che dopo avere ricostruito la totale rete degli asset del P. grazie al software investigativo Molecola, gli ha oggi confiscato altre 16 società a Catania, Roma e Modena, oltre a 40 depositi bancari a Milano, Roma, Biella, Padova, Siena, Lecce, Palermo e Ragusa, intestati in alcuni casi a dei prestanome.

Confiscati inoltre beni immobili nella provincia di Catania, tra cui due ville con piscina dal valore di 4 milioni di euro, numerose auto e una barca da diporto di 40 metri.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

P. è stato anche indagato dalla DDA di Napoli nell’ambito dell’indagine „Hermes“, che lo vedeva in strettissima correlazione con l’imprenditore campano Renato G., suo corrispettivo in Campania, il quale secondo l’accusa avrebbe stretto accordi con la Camorra dei Casalesi per la gestione di sale da bingo e slot machine.

Per gli inquirenti, P. sarebbe una figura chiave. Il Gip che firma l’ordinanza di custodia cautelare a Napoli lo definisce „uomo di mafia: egli si presta, per il clan di appartenenza, nel medesimo settore delle slot dove opera da tempo, garantendo anche attraverso la compiacenza di funzionari infedeli, l’ottenimento delle concessioni e curando l’apertura di sale intestate a terzi, ma in realtà riconducibili ad interni alla cosca“.

Gli affari di P. nel mondo del gioco d’azzardo sono estesi anche al di fuori dei confini nazionali, ma i sequestri del patrimonio sono per ora tutti italiani.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

mmd-soldi_975-624x300-1

Mafia (IT)

Tre milioni di euro di beni sequestrati al cugino di Matteo Messina Denaro

Tre milioni di euro di beni, mobiliari e immobiliari, sono stati sequestrati all’imprenditore Giovanni F. di Castelvetrano, Trapani, cugino del boss latitante Matteo Messina Denaro. Alle prime luci dell’alba infatti, le Fiamme Gialle e i ROS dei Carabinieri di Palermo, hanno fatto scattare i sigilli in un’operazione antimafia coordinata dalla Direzione Investigativa Antimafia (DIA).

von David Schraven

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Trapani – Misure di Prevenzione, che ha accolto la proposta di misura di prevenzione patrimoniale finalizzata alla confisca della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.

L’imprenditore Giovanni F. era stato arrestato nel marzo del 2010 nell’ambito dell’operazione „GOLEM — fase II“, ma assolto in primo grado dal Tribunale di Marsala. L’accusa, per il reato di associazione mafiosa, riguardava la sua presunta appartenenza al“mandamento“ di Castelvetrano (TP), per il quale avrebbe curato le attività estorsive, il reinvestimento dei proventi e la messaggistica dei pizzini da e per il boss latitante Messina Denaro.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

L’anno scorso però, il 13 Dicembre, Giovanni F., veniva nuovamente arrestato nell’ambito dell’ „OPERAZIONE EDEN“, coordinata dal Procuratore Aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, Teresa Principato, in quanto ritenuto membro di Cosa Nostra e colpevole del delitto di trasferimento fraudolento di beni, al fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa.

A seguire, una intensa attivita’ d’indagine economico-finanziaria, coordinata dal PM della D.D.A. di Palermo, Bernardo Petralia, che ha „consentito di dimostrare la manifesta sproporzione tra il valore dei suddetti beni e la capacità reddituale dell’imprenditore colpito dall’odierno provvedimento“ – si legge nel comunicato stampa – „tale da non consentire la possibilità di acquisire le risorse finanziarie, idonee ad avviare autonomamente nuove attività commerciali, dai redditi legittimamente dichiarati dall’interessato. Tali disponibilità, pertanto, sono da considerarsi frutto delle attività illecite o il reimpiego dei relativi proventi.“

tapa-pantaleone-mancuso-1

Mafia (IT)

Arrestato il boss della Ndrangheta Pantaleone Mancuso. Era in Argentina sotto falso nome.

 polizia Argentina ha bloccato ieri il boss della 'Ndrangheta Pantaleone Mancuso, al confine fra Argentina e Brasile, nei pressi di Iguazù. Mancuso, su cui gravava un ordine di cattura internazionale ed era ricercato dall'interpol, stava cercando di entrare in Brasile con un documento falso e 100.000 euro in tasca.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino


 polizia Argentina ha bloccato ieri il boss della ‘Ndrangheta Pantaleone Mancuso, al confine fra Argentina e Brasile, nei pressi di Iguazù. Mancuso, su cui gravava un ordine di cattura internazionale ed era ricercato dall’interpol, stava cercando di entrare in Brasile con un documento falso e 100.000 euro in tasca.

La Direcion Nacional de Migraciones, autorità di controllo frontiere Argentina, ha subito riconosciuto il documento falso, un documento Argentino per stranieri intestato all’alias „Luca de Bortolo“, ed ha chiesto l’intervento della polizia che, grazie al controllo delle impronte digitali, ha identificato il latitante e per Mancuso il ponte Tancredo Neves, varco fra i due Paesi Sudamericani, si è chiuso immediatamente.

Dopo un primo tentativo di negare le accuse delle autorità argentine, Pantaleone Mancuso ha confessato la sua identità, ed è ora detenuto in attesa di estradizione.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Pantaleone Mancuso è uno degli 11 fratelli Mancuso, la prima generazione del clan di Limbadi (Vibo Valentia). Figlio del defunto Domenico Mancuso, che era ritenuto uno dei fondatori del clan omonimo, i suoi fratelli Giuseppe, Diego e Francesco (detto ‘Tabacco’) sono già in carcere, scontando rispettivamente l’ergastolo il primo, 16 anni il secondo ed una condanna definitiva per associazione mafiosa il terzo.

Pantaleone stesso è una figura di chiaro rilievo per il clan Mancuso, egemone nell’area del Vibonese. Ricercato per associazione mafiosa e duplice tentato omicidio, era già stato coinvolto in diverse operazioni di polizia, compresa l’operazione „Dinasty“ per la quale era già stato condannato ed aveva scontato la pena. Detto ‘I’ingeniere’, era latitante dal 2 Aprile scorso, in fuga da un ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP Assunta Maiore per il duplice tentato omicidio della sua stessa zia, Romana Mancuso, e del cugino Giovanni Rizzo, un tentato omicidio nato presumibilmente in seguito a contrasti interni al clan.

Giulio Rubino, Cecilia Anesi

festnahme-lo-russo

Mafia (IT)

Duro colpo al Clan Lo Russo: Trentaquattro arresti nella mattinata a Napoli.

Trentaquattro arresti e confische di beni nel valore complessivo di 10 milioni di euro sono stati effettuati questa matina a Napoli contro esponenti del clan Lo Russo.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli arrestati sono accusati di associazione mafiosa e traffico di stupefacenti, per aver gestito diverse piazze di spaccio nell’area controllata dal clan.

Gli arresti arrivano ora dopo un attività di indagine basata principalmente sulle dichiarazioni dell’ex capo clan, Salvatore Lo Russo, diventato collaboratore di giustizia dopo il suo arresto nel 2007 a Miano, nell’area a nord di Napoli.

Il clan Lo Russo era nato negli anni 70 e rapidamente asceso ad una discreta importanza per il suo ruolo sia nella lotta contro il clan Stabile che nella faida del quartiere Sanità.
La decisione di Salvatore Lo Russo di collaborare con le autorità ha naturalmente portato un duro colpo al clan, in primo luogo minanto l’autorità del figlio Antonio Lo Russo che, costretto alla latitanza dal 2010, era stato arrestato in Francia lo scorso Aprile, poi con le indicazioni che hanno permesso oggi di ricostruire la struttura del clan, indagine fondamentale per l’operazione di oggi.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Il lavoro dei Carabinieri di Napoli e di Marianella, che indagavano sull’omicidio di Domenico Raffone, ucciso lo scorso 8 Marzo, ha inoltre portato all’identificazione di un altro gruppo di persone legate al clan Lo Russo che gestiva il traffico di stupefacenti nell’area di Marianella.

Sono stati effettuati infatti diversi sequestri di stupefacenti in quella zona, e sono state registrate conversazioni che chiariscono oltre ogni dubbio come gli spacciatori dovessero pagare una ‘tassa’ per operare in quella zona proprio a Mario Lo Russo.

Quest’ultimo era recentemente stato scarcerato dopo aver scontato una pena per possesso illegale di armi, ed aveva assunto un ruolo di ‘boss’ appena uscito dal carcere.

ContMianoemporaneamente agli arresti il G.I.C.O. (Gruppo Di Investigazione sulla Criminalità Organizzata) della Guardia Di Finanza ha sequestrato beni ed aziende di propietà del clan, compresi una pizzeria a Miano e diversi conti bancari, del valore complessivo di circa 10 milioni di Euro.

  • Giulio Rubino e Cecilia Anesi
roberto-scarpinato1

Mafia (IT)

Lettera di minacce a Scarpinato, Procuratore Generale di Palermo: „possiamo raggiungerti ovunque“

S

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

i e’ saputo oggi che nella notte tra il 2 e il 3 settembre qualcuno si e’ intrufolato nella stanza del Procuratore Generale di Palermo, Roberto Scarpinato, recapitandogli una lettera di minacce direttamente sulla scrivania.

Scarpinato, conosciuto e apprezzato anche in Germania per essere stato tra i primi a raccontare la minaccia che incombe sul paese, e’ la memoria storica dell’antimafia palermitana. La Procura di Caltanissetta sta indagando sull’accaduto, visto che la lettera invita il magistrato a fermare le sue indagini e recita una frase spaventosa: “possiamo raggiungerti ovunque”. E per rendere il tutto piu credibile fa la lista dei luoghi più frequentati dal procuratore generale.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Scrive Salvo Palazzolo, storica firma di Repubblica Palermo „Non è un mistero che in questi ultimi mesi il magistrato è soprattutto alle prese con la preparazione del processo d’appello per il generale Mario Mori e per il colonnello Mauro Obinu, assolti in primo grado dall’accusa di aver favorito la latitanza di Bernardo Provenzano. Dopo l’arrivo di nuovi atti dalla procura della Repubblica, il procuratore generale Scarpinato e il sostituto Luigi Patronaggio stanno adesso cercando di scandagliare nei misteri dei servizi segreti deviati. E all’udienza del 26 settembre chiederanno la riapertura dell’istruttoria dibattimentale. La posta in gioco è alta per le tesi dell’accusa, e le refluenze sono evidenti anche per il processo ‘trattativa mafia-Stato’, in cui Mori è pure imputato.“

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

gaetano

Mafia (IT)

Arrestato Gaetano Cerci, latitante, colletto bianco del traffico di rifiuti per i Bidognetti

I Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Caserta hanno arrestato il 13 settembre a Salerno il latitante Gaetano Cerci, 49 anni, ritenuto affiliato alla fazione Bidognetti del clan dei Casalesi. Cerci, secono la magistratura, avrebbe fornito la sua collaborazione nell’illecita attività di smaltimento e stoccaggio dei rifiuti, dedicandosi anche alla ricerca dei siti.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Il 24 luglio scorso fu destinatario di una ordinanza per il reato di estorsione, ma fu scarcerato dal Tribunale del Riesame l’11 agosto. Il giorno seguente, sulla base di un fondato pericolo della reiterazione dei reati, fu emessa una nuova ordinanza cautelare in carcere. Da quel momento inizia la latitanza di Cerci.

Più pentiti, tra cui da ultimo Francesco Della Corte, colui che qualche mese fa con le sue dichiarazioni diede l’avvio ad una campagna di scavi alla ricerca di rifiuti tossici tra Villa di Briano e Casal di Principe, hanno chiamato in causa Cerci. „Il traffico di rifiuti tossici dal Nord alle campagne del Casertano – ha raccontato pochi mesi fa Della Corte in uno dei processi che vede imputato l’ex sottosegretario del Pdl Nicola Cosentino – era già in corso dall’inizio degli anni ’90; a gestirlo era il boss Francesco Bidognetti tramite Gaetano Cerci e Cipriano Chianese, che si definiva massone e aveva contatti con Licio Gelli.

Cerci fu uno dei partecipanti alla famosa riunione di Villaricca del 1989 tra imprenditori, politici, camorristi e massoni, dove sono stati presi gli accordi sullo smaltimento illecito dei rifiuti tossici del nord Italia in Campania, e dove è stata stabilita la spartizione delle tangenti.

Ha raccontato il giudice Imposimato alla seduta 77 della Commissione Antimafia della XI legislatura: „La cosa sconvolgente e che fa quadrare il cerchio è che uno dei protagonisti di questa vicenda, tale Cerci Gaetano, titolare della Ecologica 89 S.r.l. che aveva come cointeressati Bidognetti Francesco, Schiavone Francesco e Zagaria Vincenzo29, si è certamente recato ad Arezzo, il 4 febbraio del 1991, per incontrare Licio Gelli. Inoltre, fu uno dei partecipanti alla riunione di Villaricca.“

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

“L’emergenza rifiuti che oggi assedia la Campania da oltre un decennio trova qui le sue radici antiche“, scrive Alessandro Iacuelli nelle sue ‘Le Vie Infinite dei Rifiuti’, la bibbia della storia dell’ecmafia in Campania. „Nasce nel 1989 in questo piccolo comune alle porte di Napoli, nel ristorante dell’albergo ‘La Lanterna’, sulla circumvallazione esterna di Napoli, quella che la gente chiama ‘Doppio senso’, o ‘Strada degli americani’. Nasce tra gli invitati ad una cena speciale. Infatti si tratta di invitati molto speciali. Ci sono i camorristi di Pianura e dell’area flegrea, tra cui Perrella. Ci sono i casalesi. C’è Ferdinando Cannavale, nel ruolo di massone amico dei politici locali e nazionali. Ci sono i proprietari delle discariche, tra i quali quel Luca Avolio, proprietario dell’Alma di Villaricca, che sarà arrestato nel corso dell’Operazione Adelphi. C’è Gaetano Cerci, il titolare dell’azienda ‘Ecologia ‘89’, che trasporta e smaltisce rifiuti, ma è anche nipote di Francesco Bidognetti, braccio destro di Francesco Schiavone
‘Sandokan’. Cerci è inoltre il tramite tra il clan dei casalesi e Licio Gelli“.

Guarda il documentario Toxic Europe del 2011 che racconta anche la Riunione di Villaricca.

Cecilia Anesi e Giulio Rubino

il_dossier

Mafia (IT)

Emilia-Romagna, da terra rossa a terra di mafia.

Secondo il dossier, sono cominciate ad arrivare alla dine degli anni 50, quando, dopo l’emissionedella legge sul ‘confino’ nel 1958, l’Emilia Romagna ha iniziato a ospitare i mafiosi che venivano mandati li dallo Stato per ‘ravvedersi’.

von Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Il Gruppo Antimafia Pio La Torre ha appena pubblicato un dossier che riassume lo stato dell’infiltrazione mafiosa in Emilia Romagna, regione centrale lontana dalle roccaforti del crimine organizzato nel sud Italia ma non per questo libera dalla sua presenza.

Anzi. Quello che emerge è un quadro molto inquietante, dove se la ‘Ndrangheta e la Camorra mantengono un ruolo egemone non mancano le infiltrazioni della Cosa Nostra siciliana, e si registrano presenze di numerose altre organizzazioni minori: dalla pugliese Sacra Corona Unita alle organizzazioni criminali nord africane, le temibili mafie nigeriane, cinesi e albanesi. Non mancano neppure gruppi organizzati latino americani, rumeni e est europei in genere.

Il primo è stato Procopio Di Maggio, capo mandamento di Cinisi (Pa), a cui è seguita la famiglia, e gli amici, e la famiglia degli amici, fino ad arrivare all’oggi: oltre 3.600 uomini e donne affiliati. Parliamo, tra gli altri, di Tano Badalamenti (che secondo la Criminalpol dal ’74 al ’76 gestiva i suoi traffici illeciti dalla provincia di Modena), Pasquale Condello, il „supremo Boss“ di Reggio Calabria („cuore in Calabria e portafoglio a Cesena“ si diceva) e il Casalese „Sandokan“, in origine Francesco Schiavone.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Ma il Gruppo Antimafia Pio La Torre non traccia solo lo storico dell’infiltrazione, ci racconta in modo preciso anche la situazione odierna. Appalti pubblici, gestone di opere pubbliche, pizzo, movida e bei ristoranti alla moda, come il Regina Margherita di via Farini a Bologna.

In 50 pagine traccia le maggiori operazioni di polizia antimafia che hanno dato filo da torcere alle organizzazioni in Emilia-Romagna, operazioni che descrivono senza mezzi termini il modo in cui la Regione è ormai utilizzata come un proseguimento delle terre d’origine per tutte e quattro le mafie italiane.

La Direzione Investigativa Antimafia nel suo ultimo rapporto semestrale sottolinea inoltre come la zona sia ormai ‘inquinata’ dal gioco d’azzardo che spesso porta all’indebitamento e successiva estorsione e usura da parte delle mafie. Ma pochissimi sono quelli che denunciano, compresi migliaia di esercizi commerciali che pagherebbero il pizzo in silenzio. E il paradiso fiscale di San Marino sarebbe ideale per ‘pulire’ fondi neri senza dovere coprire lunghe distanze. Dice il dossier:
“L’Emilia-Romagna balza al quarto posto per il riciclaggio di denaro sporco. Peggio stanno solo
Lombardia, Lazio e Campania: il numero delle operazioni sospette nel 2012 è stato pari a 5.192, nel 2008 erano 986.“


Cecilia Anesi, Giulio Rubino

1411402597

Mafia (IT)

Arrestato ieri latitante legato al clan Nuvoletta.

La latitanza di Salvatore A., legato al clan Nuvoletta della Camorra, si è conclusa ieri quando la polizia lo ha tratto in arresto dal suo nascondiglio a Maiano, in provincia di Napoli.

von Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Per circa un anno e mezzo era riuscito a rimanere sotto I radar delle forze dell’ordine, che lo cercavano per applicare una condanna a 24 anni di carcere per traffico di sostanze stupefacenti, con le pene accessorie dell’interdizione legale, l’interdizione dai pubblici uffici perpetua ed anche una condanna alla misura di sicurezza della libertà vigilata di 3 anni da espiare a fine pena.

Gli affari di A. nel campo degli stupefacenti avevano anche ramificazioni internazionali, sopratutto in Germania dove operava sotto il falso cognome ‘Botta’.
Originario di Benevento, A. era in passato stato accusato di aver partecipato al sequestro di Gianluca Grimaldi, figlio degli armatori Grimaldi di Napoli, rapito il 2 Dicembre 1980. Per quel sequestro all’epoca fu pagato un riscatto di due miliardi di lire, ma la condanna del tribunale è arrivata solo nel 2005, quando A. (in quel periodo un personaggio molto influente nella zona settentrionale di Napoli) fu condannato a 18 anni di reclusione assieme a Gaetano R. e Giuseppe M., boss del clan Mallardo.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Salvatore A., che tempo fa fu colpito dall’ictus, è stato trasportato dal suo rifugio fino all’auto della polizia, sulla sedia a rotelle, spinta dagli agenti.

Giulio Rubino, Cecilia Anesi

diariocivile

Mafia (IT)

La mafia in Europa su RaiStoria

Domani sera alle ore 21.30 RaiStoria trasmettera' il documentario Mafia – Affari sporchi in Europa di Alessandro Chiappetta con la regia di Agostino Pozzi, che racconta le mafie internazionali e i rapporti tra loro.

von Cecilia Anesi

Per tutto ottobre invece è previsto un ciclo di quattro puntate sulla storia della camorra campana. Ogni settimana il Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, introdurra’ i documentari. In Mafia – Affari sporchi in Europa compariranno anche, tra gli altri, Francesco Forgione, dal 2006 al 2008 Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, la giornalista tedesca Petra Reski e Sonia Alfano, ex parlamentare europea, nel 2013 Presidente della Commissione Speciale Antimafia dell’Ue. A narrare le vicende del film è invece Giovanni Tizian, giornalista, da anni sotto scorta per aver denunciato nel suo libro „Gotica“ le infiltrazioni della ‘ndrangheta al nord. E, ovviamente, si parlera’ anche della strage di Duisburg e del fiume di denaro che raggiunge da anni anche la Germania.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!