Profil

David Schraven

Geschäftsführer/Publisher

Den wichtigsten Satz seines Lebens hat David als Kind von seiner Mutter gehört: “Wir haben die Grenzen der Welt nicht gesetzt. Warum sollen wir sie halten.” An diesen Satz denkt er, wenn er Comics mit Journalismus mixt, wenn er Reportagen ins Theater bringt oder mit Bürgern Recherchen startet. Was zwingt uns dazu, Journalismus nur als Zeilenschreiben zu verstehen, als Formatfüllen im Fernsehen? Nichts. Wir können Grenzen überwinden und alles erreichen, wenn wir nur den Mut dazu haben. David ist Gründer von CORRECTIV und leitet das Recherchezentrum als Publisher. In seinem früheren Leben füllte er Zeilen bei der taz, der Süddeutschen Zeitung, der Welt-Gruppe und dem von ihm mitgegründeten Blog Ruhrbarone. Bei der damaligen WAZ-Gruppe (heute Funke-Gruppe) war er für das Investigativ-Ressort verantwortlich. David wurde für seine Arbeit vielfach ausgezeichnet. Er lebt mit seiner Familie in Bottrop und geht gerne angeln.

E-Mail: david.schraven(at)correctiv.org
Twitter: @david_schraven

img_9076-1

Newsroom Updates

Oliver Schröm new editor-in-chief at CORRECTIV

von David Schraven

We are pleased to announce Oliver Schröm will join CORRECTIV as the new editor-in-chief.

In 2012, Schröm and senior reporter David Schraven developed the concept for and subsequently founded​​ CORRECTIV. For various reasons, Oliver could not join the initial CORRECTIV team. However, he has always been involved in our project including most recently as chairman of our Board of Trustees.

Oliver is one of the premiere investigative journalists in Germany. After completing his traineeship at local newspaper Heidenheimer Zeitung, he spent time in the United States working at the Center for Investigative Reporting. Oliver then worked producing investigations for German weekly newspaper Die Zeit as well as for ZDF magazine Kennzeichen D. In 2010, he established the investigative team of Stern and managed it before moving to the ARD magazine Panorama. Oliver is known for his work investigating fraud in the German cancer drug industry, an investigation which was performed in cooperation with CORRECTIV.

We are very excited to have such an experienced colleague join our team as the new editor-in-chief.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

opendata_city1

Newsroom Updates

Cooperation with OpenDataCity

von David Schraven

We just sealed a long-term strategic partnership with OpenDataCity. We’re very excited, thanks guys!

The programmers, engineers, and visualizers from OpenDataCity complete our work perfectly. When we acquire data, analyze the documents and piece them together, we need a way to transform these huge amounts of raw material – we’re talking about databases with over a million entries – into readable, usable, informative projects.

OpenDataCity can do just that. As a data-journalism agency, the team from ODC has an extensive knowledge of data analysis and visualization strategies. Their most successful projects include the visualization of the data retention of politician Malte Spitz (Germany), the first delay map in real-time of the Deutschen Bahn (for the SZ), a map with data traces of our internet use and the surveillance spots of international intelligence services (Prism), a research data base of political donations in Germany since 1994, as well as the platforms Lobbyplag and Lobbycloud, which make lobby influences in European politics transparent.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Time and time again, OpenDataCity has been honored internationally for its research, publications, and innovative form of online journalism. They have received the Grimme Online Award, the award of the Online-News-Association (ONA), the special silver price at the Lead Awards, and the World Summit Award for „Lobbyplag“. Marco Maas, the head of OpenDataCity, comments: „Financed by a foundation and sustainable, the approach of CORRECTIV is a perfect fit for our vision of journalism.“ The first joint project is set for fall. „The cooperation is long-term“, explains Maas. „We’re not aiming for rush jobs.“

We have known each other personally for a long time. To be able to work together on such an important project makes us happy.

Our offices at Singerstrasse 109 in Berlin are separated by two stories, but connected through a shared internet connection and coffee bar on the ground-floor.

Newsroom Updates

Data Journalism at CORRECTIV

von David Schraven

We at CORRECTIV want to practise data journalism. This includes evaluating large amounts of data to help interested citizens make informed political decisions. We’re not looking to share random stories. The purpose of our investigative journalism is to uncover structural problems, misuse of power, mismanagement, or injustice. Our experience has proven that large amounts of data can be a great asset in this.

unnamed file

Visualizations and interactive graphics can illustrate complex issues in a way that is easily understood. Thus, even development plans can come alive, and it becomes possible to discuss upcoming changes in a very concrete and accessible way. Recently, for example, a public referendum took place in Berlin to decide on the future of the popular Tempelhofer airfield. Together with OKLab Berlin, I compiled an analysis of the building plans, a digital 3D-view of the old Berlin airport. Our work was then picked up by the Berliner Morgenpost. Its value was clear: we visualised the building plans in a comprehensible way, while illustrating various pros and cons of the upcoming decision at the same time.

The systematic mapping of power structures between politics and economics was also an important concern of ours. Such data is an important tool for journalistic research, but also builds the foundation of stories that can’t be told in traditional ways. What type of networks exist and how closely are they intertwined? Instead of writing thick books about puppet masters and power abuse, we provide a transparent and easily understandable analysis of issues. Projects such as MachtVZ or Lobbyplag inspired us to create our own network databases.

This type of journalism is something that we at CORRECTIV want to pursue consequently. Journalism that facilitates and empowers direct participation in political decision-making processes. Journalism that illustrates complex issues in a transparent way, for everyone.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

For a long time, journalists had to rely on gathering anecdotes to describe issues. After hearing about a problem, they went out, talked to people, and wrote down their observations. Not a very solid foundation for arguments, since someone could always counter, „That’s just one case.“

When we compile and analyse large data sets, we make anecdotes quantifiable. We scrape data from the Internet, request entire databases from government agencies, or simply develop our own directories.

In this way, we can access and compare thousands, even millions of anecdotes with one click. We can expose underlying structures that no one has ever thought of before. The rule behind the individual case. The result is evidence-based journalism that delivers solid proof through data.

When we look at data, we don’t just see a bunch of numbers and figures – behind every entry, every number, lies the story of an individual. We want to tell these stories whenever possible.

Through this, we want to help our readers and users identify the real problem. Are you affected? If yes, how so? And what can you do about it? These are questions that every reader should be able to answer for him- or herself. A great example for this type of research is the project Dollars for Docs from ProPublica. It allowed US citizens to look up how much money their doctor was receiving from large pharmaceutical companies, essentially making it possible to determine how independent their consultations were.

Newsroom Updates

We are cooperating with FragDenStaat.de

von David Schraven

We have just agreed on a strategic cooperation with FragDenStaat.de, a platform for information rights. Our joint goal: to help citizens use their lawful right to information more effectively.

How does is work? Well: the Open Knowledge Foundation Germany runs  FragDenStaat.de, a platform for information rights. Thanks to the platform, information requests based on the Freedom of Information Act can be submitted to public authorities and departments much more easily. It supplies request forms and a whole array of information about your rights as a citizen. We can identify problems with your request and eliminate them early on. Because questions and answers are well documented, the governments readiness to provide information is laid open. When necessary, we can enforce pressure so that public offices commit to transparency in the long run. „With our platform, we want to strengthen the subject of information rights in general“, says Stefan Wehrmeyer, Chairman of the Open Knowledge Foundation Deutschland and staff member of CORRECTIV.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

We will closely incorporate FragDenStaat.de into our program to spread the idea of information freedom. We want to include the platform in our trainings for citizens to help them enforce their right to information. With the aid of best-practice examples, we want to show how meaningful it is to make us of your rights, and what kind of success is made possible. We also want to warn of pitfalls that can occur, and which questions are dead-ends. In this way, we want to help you help yourself in your everyday life. We will give you the support you need to obtain information from your local city hall, whether it concerns road construction, business registrations, or large-scale projects. Government confidentiality is a thing of the past. Today, responsible citizens are taking matters into their own hands to autonomously enforce their right to information.

Our program is continuously growing. We will keep you updated on all our upcoming projects.

Newsroom Updates

We’re searching for a web developer

von David Schraven

Our search for new employees continues, whether male or female. Now we’re looking for someone who has experience in media and graphic design, digital storytelling, and coding.

Our ideal candidate is a web developer with an understanding of modern HTML/CSS and JavaScript (frontend) solutions. Our candidate has experience in managing software projects as a Product Owner, knows what Python-based web-frameworks are, and is confident in implementing these. Our candidate’s first task will be the back- and front-end development of an extensive software project.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

We’re looking for our very own Zorro: The task is adventurous, the stakes are high, and the expectations are huge. Our candidate will help build something important. The location is Berlin.

If you’re interested, please send your application including CV and work samples to

bewerbung (at) correctiv.org

stefanocaldoro-by-ciro-pellegrino-3

Mafia (IT)

Manifesti a Napoli contro Caldoro: „Il governatore più amato dalla Camorra“

La settimana scorsa Stefano Caldoro, governatore della Regione Campania ed esponente del centro destra, è stato protagonista di poster disegnati in stile film poliziesco anni ‘70.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Un font western-style enunciava in rosso: „Il governatore più amato dalla Camorra“, e accanto, più in piccolo, „la Regione Campania è stata presieduta e amministrata per cinque anni grazie ai voti di uomini arrestati, indagati o inquisiti di cui parlano i pentiti di Camorra“. E vicino a questa scritta, ecco una lista di nomi di politici che hanno guai con la giustizia, come l’ex ministro Mario Landolfi e l’ex sottosegretario all’economia – durante l’ultimo governo Berlusconi — Nicola Cosentino, in carcere da aprile per estorsione e concorrenza sleale aggravata dalla finalità camorristica.

Cosentino aveva raccolto grande successo alle ultime elezioni, ma per lui è stato il secondo arresto in poco più di un anno. Su di lui a primavera 2013 pendeva un’ordinanza di custodia cautelare emessa nell’ambito dell’inchiesta denominata „Il Principe e la Scheda Ballerina“, essendo imputato per il presunto reimpiego di capitali illeciti in relazione alla costruzione, mai avvenuta, di un centro commerciale a Casal di Principe. Dopo alcuni mesi di carcere, gli furono concessi i domiciliari e a novembre, su decisione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è tornato in libertà. Ma tra ‘O Mericano, come viene chiamato in politica, e Stefano Caldoro non corre buon sangue. Sono si dello stesso partito, Forza Italia, ma di due frange di potere opposte, in Campania.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

E poi c’e stata la brutta storia del dossier falso creato ad hoc per screditare Caldoro, come scritto da Conchita Sannino, dove falsi testimoni avrebbero raccontato dei contatti tra Caldoro e la Camorra. Tutto finto. Inoltre, Stefano Caldoro non è mai stato indagato per presunti contatti con la criminalità organizzata, e l’autore dei poster diffamatori non svela perchè il governatore dovrebbe essere il „più amato dalla camorra“. Firma sconosciuta, nonostante siano ormai passati giorni dall’affissione nel centro cittadino di Napoli, e nessuna rivendicazione. L’unità Digos della polizia indaga, ma ancora si ignora l’identità della mente dietro a tale opera.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

squadra-mobile-casera_fermo-_bianchi

Mafia (IT)

Duro colpo al Clan Bidognetti, arrestato capo per estorsione

La criminalità organizzata cambia metodi, ma non abbandona quelli vecchi. Se da un lato sono in aumento le indagini che legano crimini finanziari e investimenti apparentemente puliti a capitali mafiosi, dall’altro il “pizzo”, l’estorsione, è ancora uno dei metodi principali per finanziare i clan e provvedere alle ‘spese’ degli affiliati in carcere. Ne sono la prova i 18 arresti effettuati nell’ultimo anno per questo crimine dalla Squadra Mobile di Caserta solo per quanto riguarda il clan Bidognetti, affiliato alla Camorra dei Casalesi.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli ultimi arresti riguardano Dionigi P., classe ’62, e Giuseppe B., classe ’78, entrambi di Casal di Principe. Il primo aveva recentemente assunto la guida del gruppo Bidognetti occupandosi proprio della riscossione del pizzo.

P. è del resto una personalità criminale di un certo rilievo, essendo stato già condannato nell’ambito del processo “Spartacus”, che aveva visto condannati Francesco „Sandokan“ Schiavone, Francesco Bidognetti, Michele Zagaria e Antonio Iovine. In passato il clan Bidognetti aveva collaborato alle attività di traffico di rifiuti denunciate dal pentito Carmine Schiavone, interrando fra gli altri, secondo Schiavone, anche rifiuti di tipo nucleare provenienti dalla Germania.

Grazie ad una dettagliata attività di indagine, basata sopratutto su intercettazioni ambientali, la Squadra Mobile è riuscita a ricostruire come P. e B. avessero cercato di ottenere denaro da due imprenditori del settore edilizio, impegnati nella costruzione di 90 appartamenti in provincia di Caserta.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Gli edifici non erano ancora terminati, e le vittime hanno cercato di spiegare che, non avendo potuto neppure cominciare a vendere gli appartamenti, ancora non c’erano soldi. Ma P. e B. avevano insistito per avere la somma richiesta prima della scadenza di ferragosto.

Anche di fronte a queste pressioni però, le vittime non hanno in alcun modo cercato di denunciare l’estorsione subita, anzi. Solo quando la polizia li ha messi di fronte alle prove raccolte si sono decisi ad ammettere le vessazioni a cui erano sottoposti.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

volante-polizia-arresto-550

Mafia (IT)

Polizia arresta 27 ‘ndranghetisti con ramificazioni internazionali

Oltre 250 uomini dello Sco della Polizia di Stato e della Squadra mobile di Reggio Calabria hanno dato esecuzione questa mattina all’operazione “Morsa sugli appalti pubblici”, che ha portato agli arresti di 27 tutte appartenenti a potenti cosche jonico-reggine.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli indagati sono stati arrestati tutti per associazione mafiosa poiche appartenenti a due delle ‘ndrine più pericolose, “Commisso” di Siderno e “Aquino” di Marina di Gioiosa Ionica. Le accuse sono anche di estorsione, turbata libertà degli incanti, illecita concorrenza con violenza o minaccia e reati in materia di armi.

L’operazione e’ il proseguimento di un’indagine contro la ‘Ndrangheta che nel 2010 portò in carcere 300 persone tra la Calabria e la Lombardia. E’ infatti il proseguo della famosa inchiesta Crimine2, dalla quale emergeva l’influenza delle ‘ndrine fuori dai confini nazionali, anche in Germania, Svizzera e Austria. L’indagine, scrive Il Dispaccio di Reggio Calabria, il primo giornale a lanciare la notizia questa mattina, „ha confermato la leadership di una delle più importanti consorterie della ‘Ndrangheta del versante ionico-reggino, la cosca Commisso, capace di proiettare le sue attività criminali anche in ambito transnazionale, specie in Canada, con il condizionamento degli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture per i lavori di ammodernamento di arterie stradali, acquedotti, edifici scolastici dell’area.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Inoltre, fa sapere la Polizia di Stato, dalle indagini e’ emerso che le ‘ndrine condizionavano gli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture e a quello relativo alla gestione dei rifiuti nelle nell’entroterra reggino di Siderno e sul versante ionico reggino, nell’area di Gioiosa Ionica, Natile di Careri, Ciminà e Caulonia. Le ditte che si aggiudicavano gli appalti si facevano pagare una tangente del 3 per cento sul valore dei lavori. La tangente calava un po’ di valore se le imprese che si aggiudicavano i lavori erano considerate “amiche” dagli uomini della ‘ndrangheta.

C’è anche un politico tra gli arrestati accusato di associazione mafiosa in quanto avrebbe chiesto sostegno elettorale alla cosca Commisso sia per l’elezione al Comune sia per le regionali del 2010 alle quali però, poi non si presentò. Il comune di Siderno è stato sciolto per infiltrazioni mafiose nel marzo 2013.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

padovani-antonio_140923

Mafia (IT)

Nuova confisca da 45 milioni al „Re delle Slot“

Lo chiamano “Il Re delle slot machines”:  Antonio P., anni 62, di Catania, è infatti uno dei principali imprenditori italiani del settore del gioco d'azzardo: principalmente slot machines e sale gioco ma anche affidamenti per lotterie e scommesse a distanza.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Padovani, è già noto alle croncache giudiziarie: condannato in primo grado dal Tribunale di Gela per la sua vicinanza alla famiglia nissena di Giuseppe „Piddu“ Madonia nel 2011, aveva subito al tempo un primo maxi sequestro di beni del valore di 40 milioni di euro.

Ma il „Re Mida delle slot“ si è visto oggi sequestrare beni e asset per altri 45 milioni di euro dalle Fiamme Gialle di Caltanissetta.

L’iter giudiziario di sequestro era iniziato a Dicembre 2011, quando il Tribunale di Caltanissetta ne aveva firmato il decreto. Ed è stato il G.I.C.O., nucleo dedicato alla lotta alla criminalità organizzata, che dopo avere ricostruito la totale rete degli asset del P. grazie al software investigativo Molecola, gli ha oggi confiscato altre 16 società a Catania, Roma e Modena, oltre a 40 depositi bancari a Milano, Roma, Biella, Padova, Siena, Lecce, Palermo e Ragusa, intestati in alcuni casi a dei prestanome.

Confiscati inoltre beni immobili nella provincia di Catania, tra cui due ville con piscina dal valore di 4 milioni di euro, numerose auto e una barca da diporto di 40 metri.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

P. è stato anche indagato dalla DDA di Napoli nell’ambito dell’indagine „Hermes“, che lo vedeva in strettissima correlazione con l’imprenditore campano Renato G., suo corrispettivo in Campania, il quale secondo l’accusa avrebbe stretto accordi con la Camorra dei Casalesi per la gestione di sale da bingo e slot machine.

Per gli inquirenti, P. sarebbe una figura chiave. Il Gip che firma l’ordinanza di custodia cautelare a Napoli lo definisce „uomo di mafia: egli si presta, per il clan di appartenenza, nel medesimo settore delle slot dove opera da tempo, garantendo anche attraverso la compiacenza di funzionari infedeli, l’ottenimento delle concessioni e curando l’apertura di sale intestate a terzi, ma in realtà riconducibili ad interni alla cosca“.

Gli affari di P. nel mondo del gioco d’azzardo sono estesi anche al di fuori dei confini nazionali, ma i sequestri del patrimonio sono per ora tutti italiani.

Cecilia Anesi, Giulio Rubino

mmd-soldi_975-624x300-1

Mafia (IT)

Tre milioni di euro di beni sequestrati al cugino di Matteo Messina Denaro

Tre milioni di euro di beni, mobiliari e immobiliari, sono stati sequestrati all’imprenditore Giovanni F. di Castelvetrano, Trapani, cugino del boss latitante Matteo Messina Denaro. Alle prime luci dell’alba infatti, le Fiamme Gialle e i ROS dei Carabinieri di Palermo, hanno fatto scattare i sigilli in un’operazione antimafia coordinata dalla Direzione Investigativa Antimafia (DIA).

von David Schraven

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Trapani – Misure di Prevenzione, che ha accolto la proposta di misura di prevenzione patrimoniale finalizzata alla confisca della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.

L’imprenditore Giovanni F. era stato arrestato nel marzo del 2010 nell’ambito dell’operazione „GOLEM — fase II“, ma assolto in primo grado dal Tribunale di Marsala. L’accusa, per il reato di associazione mafiosa, riguardava la sua presunta appartenenza al“mandamento“ di Castelvetrano (TP), per il quale avrebbe curato le attività estorsive, il reinvestimento dei proventi e la messaggistica dei pizzini da e per il boss latitante Messina Denaro.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

L’anno scorso però, il 13 Dicembre, Giovanni F., veniva nuovamente arrestato nell’ambito dell’ „OPERAZIONE EDEN“, coordinata dal Procuratore Aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, Teresa Principato, in quanto ritenuto membro di Cosa Nostra e colpevole del delitto di trasferimento fraudolento di beni, al fine di agevolare l’attività dell’associazione mafiosa.

A seguire, una intensa attivita’ d’indagine economico-finanziaria, coordinata dal PM della D.D.A. di Palermo, Bernardo Petralia, che ha „consentito di dimostrare la manifesta sproporzione tra il valore dei suddetti beni e la capacità reddituale dell’imprenditore colpito dall’odierno provvedimento“ – si legge nel comunicato stampa – „tale da non consentire la possibilità di acquisire le risorse finanziarie, idonee ad avviare autonomamente nuove attività commerciali, dai redditi legittimamente dichiarati dall’interessato. Tali disponibilità, pertanto, sono da considerarsi frutto delle attività illecite o il reimpiego dei relativi proventi.“

tapa-pantaleone-mancuso-1

Mafia (IT)

Arrestato il boss della Ndrangheta Pantaleone Mancuso. Era in Argentina sotto falso nome.

 polizia Argentina ha bloccato ieri il boss della 'Ndrangheta Pantaleone Mancuso, al confine fra Argentina e Brasile, nei pressi di Iguazù. Mancuso, su cui gravava un ordine di cattura internazionale ed era ricercato dall'interpol, stava cercando di entrare in Brasile con un documento falso e 100.000 euro in tasca.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino


 polizia Argentina ha bloccato ieri il boss della ‘Ndrangheta Pantaleone Mancuso, al confine fra Argentina e Brasile, nei pressi di Iguazù. Mancuso, su cui gravava un ordine di cattura internazionale ed era ricercato dall’interpol, stava cercando di entrare in Brasile con un documento falso e 100.000 euro in tasca.

La Direcion Nacional de Migraciones, autorità di controllo frontiere Argentina, ha subito riconosciuto il documento falso, un documento Argentino per stranieri intestato all’alias „Luca de Bortolo“, ed ha chiesto l’intervento della polizia che, grazie al controllo delle impronte digitali, ha identificato il latitante e per Mancuso il ponte Tancredo Neves, varco fra i due Paesi Sudamericani, si è chiuso immediatamente.

Dopo un primo tentativo di negare le accuse delle autorità argentine, Pantaleone Mancuso ha confessato la sua identità, ed è ora detenuto in attesa di estradizione.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Pantaleone Mancuso è uno degli 11 fratelli Mancuso, la prima generazione del clan di Limbadi (Vibo Valentia). Figlio del defunto Domenico Mancuso, che era ritenuto uno dei fondatori del clan omonimo, i suoi fratelli Giuseppe, Diego e Francesco (detto ‘Tabacco’) sono già in carcere, scontando rispettivamente l’ergastolo il primo, 16 anni il secondo ed una condanna definitiva per associazione mafiosa il terzo.

Pantaleone stesso è una figura di chiaro rilievo per il clan Mancuso, egemone nell’area del Vibonese. Ricercato per associazione mafiosa e duplice tentato omicidio, era già stato coinvolto in diverse operazioni di polizia, compresa l’operazione „Dinasty“ per la quale era già stato condannato ed aveva scontato la pena. Detto ‘I’ingeniere’, era latitante dal 2 Aprile scorso, in fuga da un ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP Assunta Maiore per il duplice tentato omicidio della sua stessa zia, Romana Mancuso, e del cugino Giovanni Rizzo, un tentato omicidio nato presumibilmente in seguito a contrasti interni al clan.

Giulio Rubino, Cecilia Anesi

festnahme-lo-russo

Mafia (IT)

Duro colpo al Clan Lo Russo: Trentaquattro arresti nella mattinata a Napoli.

Trentaquattro arresti e confische di beni nel valore complessivo di 10 milioni di euro sono stati effettuati questa matina a Napoli contro esponenti del clan Lo Russo.

von David Schraven , Cecilia Anesi , Giulio Rubino

Gli arrestati sono accusati di associazione mafiosa e traffico di stupefacenti, per aver gestito diverse piazze di spaccio nell’area controllata dal clan.

Gli arresti arrivano ora dopo un attività di indagine basata principalmente sulle dichiarazioni dell’ex capo clan, Salvatore Lo Russo, diventato collaboratore di giustizia dopo il suo arresto nel 2007 a Miano, nell’area a nord di Napoli.

Il clan Lo Russo era nato negli anni 70 e rapidamente asceso ad una discreta importanza per il suo ruolo sia nella lotta contro il clan Stabile che nella faida del quartiere Sanità.
La decisione di Salvatore Lo Russo di collaborare con le autorità ha naturalmente portato un duro colpo al clan, in primo luogo minanto l’autorità del figlio Antonio Lo Russo che, costretto alla latitanza dal 2010, era stato arrestato in Francia lo scorso Aprile, poi con le indicazioni che hanno permesso oggi di ricostruire la struttura del clan, indagine fondamentale per l’operazione di oggi.

Unterstützen Sie unabhängigen Journalismus!

CORRECTIV ist das erste gemeinnützige Recherchezentrum im deutschsprachigen Raum. Unser Ziel ist eine aufgeklärte Gesellschaft. Denn nur gut informierte Bürgerinnen und Bürger können auf demokratischem Weg Probleme lösen und Verbesserungen herbeiführen. Diese Recherche wurde mit der Unterstützung unserer Fördermitglieder realisiert. Jetzt spenden!

Il lavoro dei Carabinieri di Napoli e di Marianella, che indagavano sull’omicidio di Domenico Raffone, ucciso lo scorso 8 Marzo, ha inoltre portato all’identificazione di un altro gruppo di persone legate al clan Lo Russo che gestiva il traffico di stupefacenti nell’area di Marianella.

Sono stati effettuati infatti diversi sequestri di stupefacenti in quella zona, e sono state registrate conversazioni che chiariscono oltre ogni dubbio come gli spacciatori dovessero pagare una ‘tassa’ per operare in quella zona proprio a Mario Lo Russo.

Quest’ultimo era recentemente stato scarcerato dopo aver scontato una pena per possesso illegale di armi, ed aveva assunto un ruolo di ‘boss’ appena uscito dal carcere.

ContMianoemporaneamente agli arresti il G.I.C.O. (Gruppo Di Investigazione sulla Criminalità Organizzata) della Guardia Di Finanza ha sequestrato beni ed aziende di propietà del clan, compresi una pizzeria a Miano e diversi conti bancari, del valore complessivo di circa 10 milioni di Euro.

  • Giulio Rubino e Cecilia Anesi